Siberia

SIBERIA

La Siberia fa parte della Russia orientale,  considerata anche Asia Settentrionale.  Partendo dai Monti Urali fino ad arrivare all’Oceano Pacifico e dalla Cina/Mongolia fino ad Arrivare al Mar Artico, un territorio molto esteso, un insieme di culture, storie, paesaggi, religioni, popolazioni e diverse condizioni climatiche, completamente diverse l’uno dall’altro.

Inoltre è molto più bella di come ce la immaginiamo, la natura la fa da padrona, con delle bellissime distese di boschi, con  laghi, fiumi, in estate ricchi di funghi e frutti di bosco

 

COSA VEDERE IN SIBERIA:

IL LAGO DI BAIKAL:  E’ stato tutelato come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, è  una delle 7 meraviglie della Russia, con le sue acque limpide,è uno dei laghi più grandi al Mondo, una superfici dei 31.772 km2 il punto più profondo del lago è circa 1.660 mt. Il Clima per via di questa grande massa d’acqua subisce delle influenze con inverni molto freddi, d’inverno la superficie del lago si ghiaccia completamente, le estati sono fresche ed umide.

IRKUTSK è la Città più importante e vicina al Lago, capoluogo dell’omonima Regione, fondata nel 1652 è considerata anche una delle più importanti Città di tutta la Siberia. Da vedere il Municipo dell’epoca Sovietica, La Cattedrale Kazansky in stile Russo Bizantino, spiccano i colori rosso e azzurro, nel centro Città è possibile vedere le case tradizionali in legno,Il convento Znamenskji del 1693 uno dei più antichi di tutta la Siberia, l’architettura un mix fra il Medievale Russo e il barocco siberiano, Il Museo etnografico Taltsij  Sito fra Irkutsk e il Lago di Baikal un vero e proprio museo all’aperto.

EKATERINBURG: Sita sul versante orientale dei monti Urali, Capoluogo della Regione di Sverdlovsk, la quarta Città in Russia per numero di abitanti circa 1.500.000, la Città nacque nel 1723 e prese nome dalla Santa Caterina d’Alessandria la Santa di Ekaterina la Zarina.
Da vedere la Stele che segna il confine fra Europa ed Asia, e il luogo dove fu Ucciso lo Zar con  la  sua famiglia (I Romanov) e le persone più vicine a lui dopo la Rivoluzione d’Ottobre nel 1918. In Città si trovano più di 50 musei, nel Museo di storia  si trova la più antica Scultura in Legno del Mondo  (L’idolo di Sigir) risalente a più di 9.000 anni A.C. Al Museo delle Belle Arti si trovano collezioni di Artisti all’avanguardia.

VLADIVOSTOK: Capoluogo  della regione e anche del litorale  che si trova nell’estremo oriente Russo. Vicino al confine con Cina e Corea del Nord. Vladivostok ha anche un importantissimo porto per gli scambi commerciali . Fondata nel 1859 i Russi capirono subito l’importante della Città in quel punto strategico e la fecero immediatamente fortificare.

Il Centro storico di Vladivostok ha dei palazzi dell’Epoca Zarista e del periodo Sovietico, da vedere la Piazza Bortsov Revolutsiy dove al centro si trova il monumento ai combattenti del potere Sovietico in Estremo Oriente, uno dei principali monumenti architettonici della Città. Vi sono anche diversi musei da visitare:
– d’Arte Primorskiy, Con la collezione di quadri olandesi del 1.600  .
– Museo Regionale Arsenev, Collezione di Oggetti della storia Locale
– Museo della Fortezza di Vladivostok,
– Sottomarino-museo S-56, che  durante la Seconda Guerra Mondiale  ha affondato tante navi, oggi un museo visitabile all’interno.

NOVOSIBIRSK: Città importante per il passaggio ferroviario e stradale, Capoluogo dell’omonima Regione, la Città è attraversata dal Fiume Ob, è la terza Città della Russia per numero di abitanti (Dopo Mosca e San Pietroburgo) circa 1.600.000. Fondata nel 1893 durantela costruzione del Ponte ferroviario sul fiume che oggi bagna la Città, inizialmente la chiamarono Aleksandrovskiy per lo Zar Allessandro III, poi cambiarono il nome divenne Novonikolaevskiy per lo Zar Nicola II nel 1925 fu definitivamente chiamata Novosibirsk.

Cosa vedere: La Cattedrale dell’Ascensione, La Cattedrale di Aleksandr Nevskiy, La Cappella di San Nicola, Il Bellissimo Zoo con oltre 4.000 specie di animali

KABAROVSK: Capoluogo dell’omonima Regione, la zone dove oggi si trova la Città nel XII sec. Era territorio della Cina, solo nel XIX sec. l’area venne ceduta alla Russia.

Cosa vedere: Il ponte Amur, la Piazza Lenin,la Piazza Komsomols, MUSEI: Archeologico, Geologico, belle Arti, della storia Militare, Museo Regionale. Il Parco Muravyov Amursky

WhatsApp